Imparare a surfare da adulti ..con le tavole giuste !

…da Beginner a Pro , dal Softboard alla shortboard passando attraverso una funboard.

Come già detto in altri nostri articoli negli ultimi anni il Surf è esploso e in molti si sono avvicinati a questo mondo , spesso in età adulta e dopo un viaggio all’estero …

Quasi tutti si sono approcciati a questo sport tramite le numerose scuole di surf sparse per tutto il mondo … come si sa all’estero è tutto più bello e nei paesi dove ci sono le onde tutti i giorni hanno capito che il surf è un bel business e i turisti di conseguenza ”polli da spennare” ! il surf fatto nelle scuole nella maggior parte dei casi è solo un assaggio e spesso i malcapitati vengono buttati in acqua in gruppo in mezzo alle risacche come carne da macello , spesso lasciati a se stessi a prendere schiume salendo sulla tavola quando va bene con posizioni improbabili ..

una volta tornati in Italia gli aspiranti nuovi surfisti si rendono ben presto conto che il surf non è uno sport facile , prima di prendere un onda vera serve tanta esperienza e un soprattutto buon allenamento …entrare in acqua con un istruttore che ti incita da riva esultando a braccia alzate ad ogni schiuma presa può sembrare che lo stiate facendo nel modo giusto , la realtà è ben diversa .

Detto questo , il primo approccio in una scuola è sempre fondamentale per capire se questo sport fa per voi oppure no .. entrare in acqua con tavole Softboard limita i danni a voi e a gli altri .. 2 nozioni di base si acquisiscono comunque .. dovete solo scegliere con cura in quale scuola approcciare il surf , evitate quelle nei posti alla moda dove fanno grandi gruppi e preferite quelle dove fanno corsi individuali , anche se spesso sono più care… dopo dovete metterci molto del vostro e le tavole che vi accompagneranno nell’apprendimento saranno fondamentali per far di voi un surfista o un Kooks ..

il primo approccio come già detto è bene farlo con tavole Soft nella scuola giusta , oppure acquistare un buon Softboard di qualità con un volume generoso e affidarsi a qualcuno che vi segua , può anche essere un gruppo di amici .. basta che siano persone competenti e non surfisti improvvisati… Una volta acquisite le basi è bene passare ad una tavola rigida in modo da ottimizzare le manovre base , di take off , bottom turn e reentry .. Scegliete uno shape stile Funboard , sempre abbastanza voluminosa che vi permetta quindi di entrare anche in condizioni di onda piccola ! alla fine per imparare bisogna prendere tante onde , e una tavola che vi limita le uscite vi allunga anche i tempi di apprendimento . Prediligete materiali robusti come le tavole in EPS composite , in ottica di tenerle per un periodo di 1 – 2 anni son tavole che tengono bene il prezzo e non si segnano con le normali pressioni dovute all’utilizzo come le tavole in PU .

Se il vostro obbiettivo è quello di arrivare ad usare una Short (prendendo le onde e non farci solo il bagno al mare) dovrete andare per gradi accorciando le vostre tavole man mano che progredite . Una tavola corta vi obbliga ad una surfata più radicale , e una surfata radicale senza avere le basi del surf , equilibrio , coordinazione , esperienza e una buona forma fisica non si raggiunge … in troppi si comprano tavolette troppo presto e i infatti mercatini sono piene di tavole da pro … La tavola o le tavole intermedie tra un funboard e la short devono avere uno shape versatile che si adatti il più possibile ai diversi tipi di onde e con volume ben distribuito per il vostro livello acquisito e il vostro peso.

Quando avrete familiarizzato con le manovre base e radicalizzato un pò il vostro surf sarete pronti ad utilizzare una short .. o meglio ad utilizzare più tavole corte o ”tavolette ” , perchè con una sola short vi accorgerete che sarete molto limitati nel range di utilizzo , vi servirà almeno una tavola per onde ripide , una per onde mosce … e una da portare all’estero .. ma di quiver parleremo un altra volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 3 =